LECTIO MAGISTRALIS “LA TERAPIA PERSONALIZZATA DEI TUMORI” DEL PROF. ANTONIO IAVARONE

Il Prof. Antonio Iavarone e il suo team

LECTIO MAGISTRALIS “LA TERAPIA PERSONALIZZATA DEI TUMORI” DEL PROF. ANTONIO IAVARONE

Mercoledi 10 Ottobre 2018, presso il Conservatorio di Benevento, il Prof. Antonio Iavarone, scienziato sannita che vive da anni a New York, terrà una Lectio Magistralis su invito di Futuridea.

Tema della Lectio sarà “La Terapia personalizzata dei tumori”.

 

L’ importante incontro di Benevento avrà poi un seguito a Roma l’ indomani, Giovedi 11 Ottobre 2018, dove il Prof. Iavarone sarà insignito del prestigioso Premio Internazionale Guido Dorso, Categoria “Scienziati Internazionali”, con cerimonia ufficiale presso Palazzo Giustiniani del Senato. Il Premio, giunto alla XXXIX edizione, è organizzato dalla Associazione Internazionale Guido Dorso, presieduta dall’ Avv. Nicola Squitieri e di cui è Segretario Generale il Prof. Francesco Saverio Coppola.

Il Prof. Antonio Iavarone è uno scienziato italiano che dal 1999 vive e lavora negli Stati Uniti, ricoprendo posizioni di primaria importanza nella ricerca scientifica a livello mondiale. Fino al ’99 alterna le esperienze di ricerca presso prestigiose università statunitensi, al lavoro nel reparto di Oncologia Pediatrica del Policlinico Gemelli di Roma, sviluppando ricerche per lo studio del neuroblastoma e riuscendo a individuare il ruolo della proteina Id2 nello sviluppo di alcuni tumori dei bambini. Si trasferisce stabilmente negli Stati Uniti dopo aver manifestato, insieme con la collega e moglie Anna Lasorella, l’impossibilità di continuare il proprio percorso di ricerca in Italia a causa del nepotismo esistente nelle università italiane. Attualmente è Professore di Patologia e Neurologia al Columbia University Medical Centre di New York ed è responsabile di un gruppo che svolge importanti ricerche nella lotta contro i tumori. Nel 2013 ha pubblicato, sulla rivista Nature Genetics, uno studio sul glioblastoma multiforme che potrebbe costituire una pietra miliare nella lotta contro questa forma di tumore primario al cervello tra le più aggressive e diffuse. La ricerca ha identificato i geni la cui alterazione è all’origine del tumore cerebrale. Averli scoperti significa disporre di bersagli contro i quali scatenare i farmaci per la cura. La scoperta ha portato a una svolta epocale nel mondo della conoscenza, tanto che la ricerca del gruppo di scienziati guidati da Antonio Iavarone si è classificata al quarantesimo posto (secondo posto nel campo dei tumori) nella classifica dei cento eventi più significativi per la scienza dell’anno 2012 (“100 top stories of 2012”) stilata dalla rivista Discover. Dal Giugno 2015 il Prof. Iavarone dirige il Centro di Physical Sciences in Oncology Center (PS-OC) per l’ integrazione di big data in Oncologia alla Columbia University, finanziato dal National Cancer Institute (NCI)-National Institute of Health (NIH). Dal Dicembre 2013 e’ il Coordinatore del CANCER GENOME ATLAS-TCGA Working Group per l’ analisi di Big Data Analysis nei tumori al cervello.

Un ringraziamento particolare ai Lions Club International – Distretto 108ya  e al Rotary Club di Benevento per aver voluto condividere con Futuridea Innovazione Utile e Sostenibile (già Premio Internazionale Dorso 2016) la promozione di questo evento.

Prof. Antonio Iavarone e prof. Anna Lasorella

Prof. Antonio Iavarone e prof. Anna Lasorella

Inoltre si ringrazia:

Le Istituzioni che hanno concesso il patrocinio morale per questo incontro (Regione Campania, Provincia di Benevento, Comune di Benevento);

L’ Università del Sannio e al suo Rettore Filippo De Rossi, l’Ordine dei Medici di Benevento e al suo presidente Giovanni Pietro Ianniello e al Conservatorio di Benevento e alla presidente Caterina Meglio per aver concesso il patrocinio e l’ospitalità.

Per concludere esprimiamo molta gratitudine per il contributo dato a sostegno dell’evento alla Banca Popolare Pugliese di Benevento e al suo direttore Mario Cataldo per la sensibilità mostrata al territorio sannita e alla società S.E.F. e al suo amministratore Errico Formichella che rappresenta una delle realtà più innovative del Sannio.

Condividi